USCIRE DALLA TRAPPOLA. ABBUFFARSI VOMITARE TORTURARSI: LA TERAPIA IN TEMPI BREVI

Autore:

Giorgio Nardone, Matthew D. Selekman


Anno:

2011


Editore:

Ponte alle Grazie


Collana:

Saggi di Terapia Breve


Ebook

Abbuffarsi e vomitare, tagliarsi con una lametta o ustionarsi con una sigaretta, abusare di alcol e droghe:
spesso dietro questi comportamenti, solo apparentemente autodistruttivi, si cela la trappola della compulsione, che da espediente sedativo e valvola di sfogo della sofferenza psichica si trasforma in piacere irrefrenabile. È da qui che è possibile dimostrare come bulimia e autolesionismo, oggi sempre più diffusi fra giovani e adolescenti, non siano categorie diagnostiche distinte, bensì due facce della stessa medaglia, e che come tali vadano trattate.
Gli autori sostengono la possibilità di un intervento rapido e strategico, di un modello terapeutico costruito su misura per il paziente e in grado di ribaltare la logica perversa del disturbo. Secondo l’approccio «tecnologico» discusso in queste pagine, sono le soluzioni più efficaci, elaborate «sul campo», a definire e descrivere la patologia: in altre parole, la conoscenza deriva dal cambiamento concreto nella vita del paziente, e non da un quadro teorico o statistico che si presuppone infallibile e immutabile.

Accanto all’esposizione di diversi casi clinici, viene presentato un vastissimo e fantasioso repertorio di stratagemmi terapeutici messi a punto da Matthew Selekman e Giorgio Nardone, accomunati da un percorso ventennale di ricerca e intervento che rispetta la singolarità sociale e familiare del paziente, facendo leva sui suoi talenti e sulle sue risorse, in una sintesi mai definitiva di rigore e creatività.

Un Brano
“Il testo si sviluppa in una prima parte dedicata alla descrizione della patologia, che si esprime attraverso l’irrefrenabile compulsione al mangiare e vomitare in concomitanza con la tendenza a comportamenti autolesivi, e in una seconda parte dedicata alle strategie terapeutiche che si sono dimostrate particolarmente efficaci e sorprendentemente rapide, evidenziando tuttavia come la loro applicazione richieda da parte del terapeuta notevoli competenze comunicative e relazionali: le pazienti affette da questo tipo di disturbo rappresentano una vera e propria sfida terapeutica per la loro resistenza al cambiamento.
Infine verranno esposti e commentati quattro casi trattati:
– bulimia nervosa/vomiting trattato con soluzione calzata alla logica del problema;
– comportamento autodistruttivo con disordine alimentare trattato con soluzione alternativa al problema;
– disturbo auto lesivo severo trattato con soluzione alternativa al problema;
– autolesionismo e disordine alimentare su base di abuso sessuale trattato con soluzione calzata sul problema.




Traduzioni:

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website.